Lo stesso ci ha consentito di fornire un supporto giornaliero socio/assistenziale a 150 pazienti più loro familiari, afferenti all’ambulatorio della Struttura Complessa di Ematologia del P.O. Oncologico A. Businco, che si rivolgono al personale per semplici informazioni anche di banale carattere logistico. In tal senso si è evitato di distogliere da compiti prettamente d’assistenza, il personale sanitario e in particolare la caposala, deputati invece alle normali mansioni istituzionali. Ai pazienti e loro familiari si è così evitato il senso di smarrimento e disorientamento presente in chi si avvicina alla struttura sanitaria anche in condizioni emotive logicamente alterate. L’attività svolta dall’addetta alle predette mansioni, ha potuto garantire un servizio di assistenza, informazione logistica agli utenti interessati. Si è provveduto di conseguenza a costituire un “front office” che si è posto come interlocutore immediato di chi arriva alla struttura. Inoltre si è provveduto a costituire un centro di smistamento di materiale informativo. Infine si è provveduto a un minimo possibile di servizio amministrativo per pratiche e documenti da richiedere e ritirare. Il servizio è stato molto apprezzato non solo dagli utenti ma anche da tutto il personale medico e paramedico della struttura Ematologica e da parte della direzione Sanitaria di questo Presidio Ospedaliero Oncologico.

Immagine



Progetto AIL Cagliari denominato “Servizio assistenza Domiciliare  ematologica Gratuita” finanziato dalla Fondazione Banco di Sardegna relazione a cura della Dott.ssa Martina Pettinau
L’ADE (Assistenza Domiciliare Ematologica), a cura dell’ASAE-AIL di Cagliari, è un servizio nato nel 2001 con l’obiettivo di fornire un’assistenza specialistica gratuita di tipo Ematologico a pazienti af­fetti da malattia ematologica ma­ligna che non possono, per vari motivi, recarsi in ospedale. Tali motivi possono essere legati alle complicanze della malattia di base (come ad esempio fratture ossee, infezioni ricorrenti, stato di debi­litazione fisica, ecc), di opportu­nità clinica (ad esempio uno stato di immunosoppressione legata ad un trapianto di midollo osseo), o ancora dovuti ad età avanzata del paziente. continua 

Provvedimenti di spesa e progetti della sezione “Antonella Olla” Asae-Ail di Cagliari

Immagine
I contributi raccolti vengono destinati a provvedimen­ti di spesa a favore dei pazienti emolinfopatici. L’ulti­mo provvedimento assunto dalla nostra Associazione è quello relativo all’acquisto di strumenti sanitari donati alla Struttura Complessa Ematologia del P.O. On­cologico “A. Businco”, che ha comportato una spesa 54.342,00 euro.
Questi strumenti sono utilizzati per il congelamento a -170 gradi centigradi delle cellule staminali emopo­ietiche. La conservazione a questa temperatura è in­dispensabile per mantenerle vitali e permettere l’ese­cuzione di trapianti “autologi”, vale a dire da se stessi.
n.01 Congelatore a discesa programmabile Sy-Lab mod. IceCube 14S-B; Costo IVA inclusa euro 22.128,00;
n. 01 Contenitore criobiologico da 165 lt. Taylor-Wharton mod. Ce10K(codiceCryoce10K). Costo IVA inclusa euro 32.214,00;  Totale: 54.342 euro



Attività

Servizio di assistenza domiciliare ematologica gratu­ita attivo dall’anno 2001.
Servizio finanziato dall’Ail Cagliari, svolto da un me­dico ematologo e da un’infermiera professionale
Costo annuo 40.000 euro.


Progetti

1) Titolo: Progetto Continuità assistenziale patologia onco-ematologica ospedale territorio
Assunzione di un medico oncologo per anni 1 che opera nel dipartimento onco-ematologico del P.O. Oncologico ‘A.Businco’ . Costo 22.000 euro

2) Titolo: Monitoraggio della risposta molecolare in soggetti affetti da leucemia mieloide cronica e suo im­patto sulla gestione clinica.
Assunzione di un biologo per anni 1 che opera nella struttura ematologica. Costo 16.000 euro

3) Titolo: Master universitario corso di aggiornamento per 2 coordinatrici infermieristiche
Costo 16.000 euro.